ISALSYSTEM_5778

UNINDUSTRIA, CASSA INTEGRAZIONE: RIETI +125,4% NEI PRIMI SEI MESI

Pubblichiamo il comunicato stampa di Unindustria.

In Italia nei primi sei mesi del 2012 la cassa integrazione cresce del 3,2% (da 507,7 a 523,8 milioni di ore) rispetto allo stesso periodo del 2011. Aumenta la CIG ordinaria: le ore totali (+40,8%, da 118,4 a 166,6 milioni), quelle autorizzate nell’Industria (+52,7%) e nell’Edilizia (+12,2%). La cassa integrazione straordinaria diminuisce del 16,4% in totale (da 221,3 a 185,1 milioni) e del 21,6% nell’Industria; al contrario aumenta del 44,3% nell’Edilizia e del 72,2% nel Commercio. Da segnalare, infine, la crescita del 2,4% (da 168,1 a 172,1 milioni) della cassa integrazione guadagni in deroga.

Nel Lazio la CIG totale cresce in misura più ampia rispetto al dato nazionale (36,3%, da 33,6 a 45,7 milioni di ore). Risulta in aumento la cassa integrazione ordinaria: le ore totali salgono da 7 a 9,9 milioni, facendo registrare una variazione pari a +41,2%. È ampio sia l’incremento delle ore di CIGO autorizzate nell’Industria, che passano da 4,3 a 6,1 milioni (+39,7%) sia quello del monte ore autorizzato nell’Edilizia (+43,5%, da 2,6 a 3,8 milioni). Per la cassa integrazione straordinaria si rileva un aumento pari all’11,6% (da 17,6 a 19,6 milioni). Le ore autorizzate di CIGS nell’Industria salgono del 3,1% (da 16,4 a 16,9 milioni), mentre crescono nell’Edilizia del 54,7% (da 635 a 982 mila) e nel Commercio passano da 573 mila a 1,7 milioni. Infine la CIG in deroga fa registrare un incremento molto maggiore di quello nazionale (+80,6%): le ore autorizzate salgono infatti da 9 a 16,3 milioni.

I settori

Nei primi sei mesi del 2012 il totale delle ore di cassa integrazione nell’Industria è pari a 27,6 milioni con un aumento, sullo stesso periodo dello scorso anno, pari a +14,7%. Al suo interno il comparto in cui si evidenzia il ricorso più alto alla CIG è quello dei Trasporti e comunicazioni che pesa, con 9,6 milioni di ore, il 21,1% del totale delle ore autorizzate nella regione. Segue l’Industria meccanica che incide per il 15,6% sul totale con 7,2 milioni di ore. Con riferimento alle variazioni percentuali rispetto ai primi due trimestri dello scorso anno, mentre le ore autorizzate nei Trasporti e comunicazione diminuiscono del 2,3%, per il Meccanico si assiste ad un incremento del 48,3%.

I dati relativi all’Edilizia indicano un monte ore totale pari a 5,9 milioni, che aumenta del 64,4% rispetto ai primi sei mesi del 2011. L’Industria Edile, comparto che più incide sulla CIG totale (10,6%), mostra un incremento del 75,3% (da 2,8 a 4,8 milioni).

Infine, nel Commercio le ore autorizzate (11,2 milioni) segnano un aumento del 105% sullo stesso periodo del 2011. Gli incrementi più ampi si hanno per il Commercio al dettaglio che sale da 687 mila a 1,9 milioni e per gli Alberghi e pubblici esercizi che passano da 425 mila a oltre un milione.
Le province

In provincia di Frosinone la cassa integrazione totale si muove in linea con la media regionale (+35,1%, da 5,4 a 7,3 milioni). Le ore di CIGO totale passano da 1,9 a 4,1 milioni, facendo osservare una consistente variazione che trova spiegazione negli altrettanto significativi aumenti delle ore autorizzate nell’Industria (da 1,5 a 3,3 milioni) e nell’Edilizia (da 377 a 782 mila). Per la CIGS, invece, si rilevano contrazioni del totale
(-22,2%, da 2,4 a 1,9 milioni), nell’Industria (-22,2%, da 2,3 a 1,8 milioni) e nel Commercio
(-92,6%, da 20 a 1,4 mila); al contrario aumenta nell’Edilizia (+1,4%, da 55 a 56 mila). Si evidenzia infine che le ore di CIG in deroga crescono del 19,9% (da 1,1 a 1,3 milioni).
A Latina si registra un aumento della cassa integrazione totale pari a +29,7% (da 2,9 a 3,7 milioni). Le ore di CIGO risultano più che raddoppiate (da 522 mila a 1,1 milioni) mentre la CIGS diminuisce (-21%, da 1,2 milioni a 956 mila). L’incremento della componente ordinaria è dovuto sia all’Edilizia, il cui monte passa da 154 a 393 mila, sia all’Industria, da 369 a 742 mila. Con riferimento alla componente straordinaria si rileva una variazione positiva delle autorizzazioni nel Commercio (da 13 a 94 mila) e un più ampio decremento nell’Industria (-31,3%, da 1,2 milioni a 821 mila). In aggiunta la CIG in deroga cresce del 43,5% (da 1,1 a 1,6 milioni).
In provincia di Rieti si registra l’aumento più ampio della regione (+125,4%): le ore totali di CIG si portano da 360 a 812 mila. Un andamento da attribuire principalmente alla variazione della CIG in deroga (da 105 a 506 mila). Al contrario la CIGO cala dello 0,9% (da 236 a 234 mila). Nel dettaglio, le ore di CIGO nell’Industria scendono del 54,3% (da 152 a 69 mila) e quelle autorizzate nell’Edilizia salgono da 84 a 165 mila (+95,4%). Si assiste inoltre a un incremento delle ore autorizzate di CIGS di quasi tre volte (da 18 a 71 mila).
In provincia di Roma si evidenzia un incremento delle ore autorizzate coerente con la media regionale (+38,2%, da 22,2 a 30,7 milioni), da attribuire all’andamento al rialzo rispetto allo stesso periodo del 2011 sia della CIGS (+21%, da 13 a 15,7 milioni) sia della cassa in deroga (+99,4%, da 5,9 a 11,9 milioni). Al contrario diminuisce la CIGO (da 3,3 a 3,1 milioni), con una variazione negativa del 4,7%. In particolare, con riferimento a quest’ultima, si assiste ad una riduzione nell’Industria (-33,8%, da 1,5 a un milione) e ad una crescita nell’Edilizia (+20,9%, da 1,7 a 2,1 milioni). Per la CIGS si rilevano aumenti nell’Industria (+12,5%, da 11,9 a 13,4 milioni), nel Commercio (+166%, da 532 mila a 1,4 milioni) e anche nell’Edilizia (+67,3%, da 529 a 884 mila).
In provincia di Viterbo si osserva una variazione del totale delle ore di cassa integrazione pari a +17,7% (da 2,7 a 3,2 milioni). La CIGO cresce del 19,5% in totale (da 1 a 1,2 milioni), del 18,9% nell’Industria (da 757 a 900 mila) e del 21,1% nell’Edilizia (da 287 a 348 mila). Inoltre la CIGS totale aumenta del 4,5% (da 965 mila a un milione): si riduce nell’Industria (-10,5%, da 906 a 811 mila) e nell’Edilizia (-98,1%, da 51 mila a meno di mille) mentre aumenta nel Commercio (da 8 a 196 mila). Infine si segnala l’incremento della CIG in deroga del 32,4%, per cui il monte ore passa da 738 mila a 977 mila. Foto: Rietilife  © 16 Luglio 2012

Print Friendly, PDF & Email