confcommercio LIFE_8544

ZTL SI, MA DALLE 23 ALLE 5 !

Pubblichiamo il documento indirizzato agli Amministratori cittadini riguardante la questione ZTL, presentato e illustrato dal presidente dell’Ascom Confcommercio Antonello Castellani durante la conferenza stampa nella sede di Largo Cairoli.

“Ascom Confcommercio Rieti rappresenta a livello provinciale 2.507 aziende del commercio, del turismo e dei servizi che garantiscono l’occupazione di oltre 5.000 addetti, oltre un terzo di queste operano nel Comune di Rieti. Con riferimento all’ultradecennale questione dell’accesso al centro, Ascom Confcommercio Rieti ritiene che la zona a Traffico limitato, come attualmente prevista a Rieti, sia un modello ormai superato e non gestibile per una realtà come la nostra sia per la vastità e disomogeneità dell’area interessata in rapporto al territorio cittadino sia per la scarsità di servizi a supporto della stessa. L’ideale sarebbe trovare soluzioni alternative e condivise con tutti coloro che “vivono” nel centro cittadino. Rendendoci conto che eventuali radicali modifiche possono essere realizzate in tempi medio lunghi mentre le imprese hanno necessità di risposte ed interventi in tempi brevi si chiede, con lo scopo di gestire il “male minore”, la modifica della delibera n. 49/2011 che al 2° punto dovrebbe così recitare:

“- di stabilire i seguenti orari di vigenza della Zona a Traffico Limitato: dal 1° Gennaio a 31 Dicembre di ogni anno: – dal lunedì al venerdì dalle ore 23.00 alle ore 05.00 del giorno successivo – il sabato dalle ore 16.00 alle ore 05.00 del giorno successivo – la domenica ed i festivi infrasettimanali dalle ore 05.00 alle ore 05.00 del giorno successivo”

Riteniamo assolutamente prioritario, soprattutto nell’attuale periodo di crisi generale, tutelare il livello occapazionale garantito dalle centinaia di aziende interessate e stimabile in oltre 800 unità (tra titolari, soci e dipendenti). Spesso ci si dimentica, infatti, che il terziario rappresenta, nella nostra provincia, la principale fonte occupazionale e, forse, l’unica opportunità di lavoro per i nostri giovani nel breve periodo”. Foto: Itzel COSENTINO/Agenzia PRIMO PIANO © 4 Luglio 2011

Print Friendly, PDF & Email